fbpx
Seleziona una pagina
Nella tua prima campagna di Crowdfunding…Pianifica bene il tuo OBIETTIVO DI RACCOLTA (Budget)

Nella tua prima campagna di Crowdfunding…Pianifica bene il tuo OBIETTIVO DI RACCOLTA (Budget)

Per finanziare il tuo progetto… non “sparare” troppo alto: chiedi quello che ti serve… e crea una strategia che ti permetta di superare il tuo obiettivo! (effetto WOW!)

Bisogna definire il giusto obiettivo economico per la propria campagna: ogni campagna, ogni team e ogni situazione è unica, per cui non esiste una formula valida per tutti ma ciascuno deve fare i propri calcoli.

Come partire?

…una buona base di partenza è quella di tenere conto delle spese da sostenere.

Non voglio annoiarti con una lezione accademica, con costi fissi, variabili, scalabilità del business o altro.

Partiamo “semplice”, e facciamo insieme i cosiddetti “conti della serva”!

Comincia ad investire tempo (non soldi) per approfondire il mondo del crowdfunding: magari ci metterai un po’ di più… ma se credi davvero nel tuo progetto, il risultato non può sfuggirti!

Stai “sul pezzo”… qualche minuto ogni giorno: non devi stravolgere la tua attività principale…. Ma datti un obiettivo misurabile, sia in termini di TEMPO… che in termini di BUDGET da raggiungere.

Nella tua prima campagna di Crowdfunding…COME TROVI I TUOI FINANZIATORI?

Nella tua prima campagna di Crowdfunding…COME TROVI I TUOI FINANZIATORI?

Per realizzare il tuo progetto, oltre a saper fare il tuo lavoro… devi saperlo comunicare efficacemente a CHI è realmente interessato (non “sparare” sulla massa…)

Eh si, nel Crowdfunding puoi essere bravo quanto vuoi… ma oltre a questo, è fondamentale saper comunicare con le persone giuste e al momento giusto!

Internet (il vero “acceleratore” del Crowdfunding, è uno strumento fantastico per la tua impresa, ci sono milioni di persone… ma qui rientra in gioco il singolo, potentissimo concetto, sul quale basare il successo della tua iniziativa: il Focus!

Devi individuare il tuo mercato di riferimento (gli smanettoni del marketing la chiamano “segmentazione”)

Cosa si intende per “segmentare un mercato”?

Significa suddividere potenziali clienti in base ai loro interessi, per poter proporre loro risorse, prodotti e servizi più rilevanti possibili alle loro esigenze.

Nel Crowdfunding… INVESTI il tuo TEMPO in modo efficace!

Nel Crowdfunding… INVESTI il tuo TEMPO in modo efficace!

Per realizzare il tuo progetto… basta decidere di investire un po’ del proprio tempo (in modo costante)

Nella mia esperienza, gran parte degli imprenditori dichiara:

“…Sarei disposto a fare qualsiasi cosa per realizzare il mio progetto…purtroppo non ho soldi”.

E quando rispondo che non servono soldi ma tempo e voglia di impegnarsi ogni giorno, la risposta diventa:

“…ma non ho tempo”

Quindi? …Che vogliamo fare? 😵 😵 😵

Se anche tu sei caduto in questo “tranello”, avrai sicuramente realizzato come questo ragionamento non porti a nessun risultato.

Solo uno: tanta frustrazione perché, nel frattempo, il tempo passa… una scusa che rincorre l’altra… fino a trovarti, dopo un po’ di anni, con il tuo progetto “impolverato” in soffitta.

Ora, non voglio farti una lezione di vita (…sai che noia!), ma soltanto farti riflettere un po’ per capire se anche tu sei caduto in questo “circolo vizioso”.

Nel Crowdfunding… Scegli di NON CREDERE alle TUE SCUSE!

Nel Crowdfunding… Scegli di NON CREDERE alle TUE SCUSE!

Nel Crowdfunding… Scegli di NON CREDERE alle TUE SCUSE!

Per realizzare il tuo progetto… “ORA” è la parola chiave, “DOMANI” diventa mai!

Il crowdfunding, in molti aspetti, rappresenta la metafora della vita.

C’è chi è in continuo movimento, e anche in tempo di crisi trova il modo di “accelerare” …e c’è chi invece rimane fermo in attesa di “tempi migliori”.

C’è chi alla prima difficoltà rinuncia… e c’è chi invece comprende quanto le difficoltà siano importanti per crescere ed essere più forte.

C’è chi si blocca alla prima lezione dei miei corsi (anche se molto semplici…) e chi è già alla terza campagna.

E’ un dato di fatto: il crowdfunding è per tutti… ma non tutti sanno cogliere l’occasione.

Dopo tanti anni di esperienza, interazione con imprenditori, ascolto attivo di progetti potenzialmente esplosivi, oggi voglio parlarti delle due scuse più “gettonate”

– La tendenza a RIMANDARE la partenza della campagna

– L’abitudine al TUTTO e SUBITO.

Nel Crowdfunding… la tua ESPERIENZA non conta!

Nel Crowdfunding… la tua ESPERIENZA non conta!

Sei sicuramente bravissimo nel tuo settore… ma “evidenziarlo” troppo o considerarlo il fattore che porterà da solo la raccolta al successo… è l’errore più grande che puoi fare nel Crowdfunding.

La tua ESPERIENZA una risorsa preziosissima… ma ricorda che sbandierarla a tutti – se nei contesti “tradizionali” può darti dei vantaggi (non ne sarei così sicuro…) – nel mondo della raccolta fondi può invece diventare una BARRIERA (soprattutto nei confronti di migliaia di persone che ancora non ti conoscono).

Quindi…

…sforzati di trovare la TRASFORMAZIONE che sei in grado di garantire a migliaia di persone… poi (grazie alla tua ESPERIENZA)… mantieni la promessa fatta.

Questo è il Crowdfunding”! ;o)

Nel Crowdfunding il segreto sta nel FOCUS: un solo progetto alla volta

Nel Crowdfunding il segreto sta nel FOCUS: un solo progetto alla volta

FOCUS: il singolo potentissimo concetto sul quale basare il successo della tua iniziativa.

E’ già difficile trasformare in “realtà” un progetto potenzialmente vincente… figuriamoci se nel frattempo hai anche altre 100 cose da fare!

Questo “piccolo passo indietro”… non significa “tirarsi indietro”, tutt’altro!

Metti da parte l’orgoglio… la sfida con gli altri… e le gare a chi fa di più in meno tempo!

Sfida te sesso nell’essere metodico, nell’individuare i tuoi punti deboli (con l’obiettivo di colmarli… non di nasconderli)… e COSTRUISCI qualcosa di SOLIDO replicabile nel tempo!

Fare una cosa alla volta significa “ammettere” di essere nuovo nel Crowdfunding, sperimentarsi, darsi l’opportunità di sbagliare (per questo un progetto alla volta) con l’obiettivo di creare LE FONDAMENTA della tua iniziativa, trasformarla in un progetto vincente e… soprattutto… “appetibile” per gli investitori.